• Sogliole croccanti al pistacchio

Prendete 4 sogliole intere e tagliate le pinne laterali e la pelle scura e quindi lavatele e asciugatele. Disponete le sogliole su un tagliere e con un coltello appuntito praticate un incisione partendo dal centro della lisca dalla testa alla coda. Per cui aprite i due le sogliole e togliete la lisca facendo molta attenzione. Spalmate su una delle due metà uno strato di pesto di pistacchio e sovrapponete l’altra metà. Nel frattempo sbattete due uova con un pizzico di sale e pepe e a parte mescolate il pangrattato con la granella di pistacchi. Ora passate le sogliole nella farina bianca e poi immergetele nell’uovo sbattuto e quindi impanate con pangrattato e granella di pistacchio. Friggete nell’olio ben caldo, fino a completa doratura, e scolatele bene. Servite su un piatto ovale, alla cui base avrete spalmato altro pesto di pistacchio.

  • Polpette al pistacchio

In una terrina amalgamate il tritato di carne mista con la mollica di pane ammollata nel latte, il parmigiano, un uovo intero, un cucchiaio di pesto di pistacchio, sale e pepe. Quindi, formate le polpettine e passatele nella farina di pistacchi. Scaldate in una padella l’olio e fatevi soffriggere le polpettine. Servitele accompagnate con delle patate al forno.

Salate e pepate leggermente delle fettine di fesa di tacchino, tagliate piuttosto sottili. Stendete su ogni fettina uno strato di pesto di pistacchio, una fetta di mortadella e una fettina di fontina e quindi arrotolatele, fermandole con uno stuzzicadenti. Mettete a riscaldare una noce di burro con un rametto di rosmarino e fatevi rosolare gli involtini, rigirandoli spesso. Salateli e pepateli e, non appena saranno ben coloriti, togliete il rosmarino e sfumateli con un bicchiere di vino, cuocendoli per altri 15 min. circa, fino a farlo evaporare del tutto. Una volta cotti, adagiate gli involtini su un vassoio tutti vicini tra loro e versatevi sopra il pesto di pistacchi.